EMERGENTE SALA 2018 – Il cameriere sta tornando!

Questo martedì ho avuto il piacere di essere ospite e parte della giuria per il premio EMERGENTE SALA, organizzato dai giornalisti LUIGI CREMONA e LORENZA VITALI.
Dopo la decennale esperienza di Miglior Chef Emergente d’Italia, da qualche anno si stanno impegnando anche per il mondo della sala con questo “contest” che premia i migliori giovani camerieri.
Come per Chef Emergente e Pizzaiolo Emergente, anche EMERGENTE SALA vede concorrere gli under 30 dopo due selezioni, una per il Nord Italia avvenuta durante il Merano WineFestival, e un’altra per il Centrosud Italia in concomitanza del LSDM (Le Strade della Mozzarella) a Paestum.
Al termine di questo percorso quindi, lo scorso 30 Ottobre si sono visti gareggiare 5 ragazzi a Roma durante il Festival della Gastronomia presso le Officine Farneto, dove è stato decretato Enrico Guarnieri (27 anni – Bergamo) vincitore per l’edizione 2018.

Quello di Emergente Sala pur essendo un evento ancora in fase di crescita e adattamento ha spunti interessanti su cui puntare l’attenzione.
Ne ho individuati molti, ma ho deciso di concentrarmi su 3 di essi:

– SOCIAL E MEDIA:
Ai finalisti è stato chiesto di presentarsi sul palco oltre che con un breve speech, anche attraverso un video preparato per l’occasione. Sono rimasto estremamente soddisfatto e sorpreso dall’elevata qualità dei video, la regia, la cura dei dettagli e l’investimento che certamente è stato fatto per realizzare questi piccoli racconti.
Non semplici descrizioni del proprio vissuto ma di emozioni, quelle tanto decantate dall’ormai saturo dogma del “IL CLIENTE VIENE PER VIVERE UN’EMOZIONE”.
Trovo questa capacità estremamente importante per chi lavora in sala, che deve essere capace tanto a spiegare un piatto o una tecnica, tanto quanto raccontarla facendo appunto vivere ricordi, entrando in una sorta di empatia gastronomica con i propri commensali.
– GLI SPONSOR SUL PALCO
Dopo che ogni candidato si presentava, venivano fatti salire sul palco a turno 2 degli sponsor dell’evento. Sponsor ovviamente di prodotti concernenti il nostro settore, che fossero quindi produttori, allevatori, coltivatori, o aziende di servizi.
I candidati erano stati preventivamente informati riguardo gli sponsor che gli sarebbero stati affidati ma non quali domande questi gli avrebbero posto.
In questo modo i ragazzi hanno avuto modo di approfondire ognuno diversi argomenti nella speranza di essere poi preparati a poter soddisfare domande, curiosità e dubbi del loro interlocutore, dando così dimostrazione non solo di essere conoscenti delle varie materie ma anche di sapersi destreggiare di fronte un ipotetico cliente esigente e ben informato.
Ho trovato questa prova estremamente pragmatica e anche un modo per rendere finalmente gli sponsor non solo un semplice logo a margine di una brochure.

– OLTRE LE STELLE
Poco prima di scoprire chi fosse il vincitore, Lorenza Vitali, matrona dell’evento, è girata per i tavoli cercando di carpire tra i giudici sentori e opinioni riguardo i ragazzi e l’evento, che ad oggi è alla sua terza edizione.
Quando mi ha passato il microfono, in qualità di OCCCA, mi sono sentito di consigliare di non guardare solo a quella sala “stellata” che da una parte è una vetta ambita e ricca di soddisfazioni e onori, dall’altra non è l’unico modo di interpretare il ruolo del cameriere in maniera altrettanto professionale.
La ristorazione sembra essere solo quella etichettata dalle guide più famose, ma poi se andiamo a vedere la Guida Michelin annovera in Italia tra gli stellati meno di 400 ristoranti.
E tutti gli altri?
Per esperienza personale sul campo e in questi anni di confronto anche sulla pagina mi sono reso conto che esistono camerieri, direttori di sala, di ristoranti senza menù degustazione o carta delle acqua, che padroneggiano il mestiere tanto quanto il maitre di uno stellato, con stesse conoscenze merceologiche e capacità di intrattenimento o di sporzionare al tavolo.
Da questa mia osservazione e proposta di ampliare le vedute ne è derivata la risposta di Lorenza, la quale ha anticipato che per la prossima edizione di EMERGENTE SALA sono previste novità al riguardo, con elementi in gara che provengono da contesti meno “ortodossi”, rispetto lo standard di alta ristorazione.

In attesa quindi di scoprire come sarà l’evento del prossimo anno ci apprestiamo a seguire la selezione per il Nord Italia valevole già per il 2019, che si svolgerà durante il Merano WineFestival, giovedì 8 e venerdì 9 novembre.

Forse per la sala si inizia a intravedere il palco più adatto da cui ridare la giusta visibilità alla figura del cameriere.
Emergente Sala ha gli elementi per diventare il teatro dal quale poter far riconoscere il valore del nostro lavoro.

Il CAMERIERE sta tornando!

Lascia il tuo commento