LA RISTORAZIONE DÀ, LA RISTORAZIONE TOGLIE.

“Buongiorno Marco, è un piacere conoscerti, scusa l’orario a cui ti scrivo, ma sono dall’altra parte del mondo in questo momento.

Rispondo al tuo articolo:
Ho lavorato in cucina dai miei 16 anni ai miei 22 in una decina di ristoranti italiani e come griller in Inghilterra, e poi per 9 mesi come cameriere in un ristorante sulla guida Michelin.

Per lo stato italiano ho solo 2 anni effettivi di lavoro.

Ne ho di storie da raccontare:
– di quanto facevo 17 ore al giorno di cui la mattina ed il pranzo a gratis perché volevo essere affiancato da uno chef che potesse insegnarmi il mestiere, per poi finire a gestire la cucina del drink bar del proprietario da solo con turni estenuanti e zero ritorno economico professionale
– di quando sono stato licenziato in chiamata per essermi preso il covid dal proprietario di un ristorante rinomato, che poi ha ritrattato tutto quando il suo commercialista gli ha detto che rischiava una denuncia
– dell’essermi sentito dire che mi avrebbero pagato 8 euro l’ora, e dopo aver fatto 250 ore in un mese ritrovarmi 1200 euro in busta paga perché: “eh ma non ti aspetterai mica che ti paghi 1800 euro!”
– dell’essere considerato per un anno il miglior lavoratore ed aver aumentato gli introiti e diminuito le spese di un bar, ristorante, pizzeria, forno del centro per poi essere minacciato di licenziamento da un nuovo responsabile di sala un giorno prima della scadenza del mio contratto, per mia grande soddisfazione ultimo giorno di lavoro per me, e ultimo mese per lui prima di essere cacciato a calci dal proprietario
– di quando mi chiudevano a chiave la notte nel ristorante di Soho con 2 tentativi di furto da parte di ladri armati di coltelli solo perché il turno pagato finiva a mezzanotte, le pulizie alle due del mattino, ed il primo turno alle 8 bisognava essere già ai fornelli. Troppo poco tempo per tornare a casa e troppo poco rispetto nei nostri confronti
– di quando per un operazione agli occhi importante e difficile sono rimasto senza paga per un mese, in quanto il mio contratto a chiamata che era in realtà di 40 ore a settimana non copriva in caso di malattia, con la promessa del proprietario di pagarmi in nero lo stipendio e mai avverata
– di quando il datore di lavoro di un pub ha deciso che era un’idea simpatica toccarmi il cazzo dietro il bancone durante il servizio, ed al licenziamento fare pagare a me le sue spese legali di 50 euro come il pezzente che era.

“La ristorazione mi ha insegnato molto: come soffrire senza lamentarmi, come lavorare senza pensare alla mia vita, come pensare che i soldi non siano il fine ultimo e come essere l’ultimo a ricevere soldi”

Ho ancora 2000 euro mancanti dalle varie situazioni lavorative passate in nero, una tendinite al gomito che mi porto avanti da 4 anni e che dovrò operare, un dito riattaccato con il nastro adesivo, e tanta rabbia nei confronti di chi non sa fare questo mestiere ed è proprietario di locali e ristoranti.

Durante il covid mi è stato proposto un lavoro su un isola greca, call center, casa pagata, 1400 euro base + bonus, 8 ore al giorno, stipendio medio mensile nei 6 mesi di lavoro 3000 euro.
Poi mi sono spostato nell’Europa dell’est, casa pagata a fare il grafico e base di 800 euro + bonus, 1200 euro medi al mese.
Ora sono nel sud-est asiatico a fare il venditore di prodotti alimentari d’importazione, casa, spese, pranzi e mezzo pagati, 500 euro base al mese + 5% di commissione sui prodotti venduti.

La ristorazione mi ha insegnato molto: come soffrire senza lamentarmi, come lavorare senza pensare alla mia vita, come pensare che i soldi non siano il fine ultimo e come essere l’ultimo a ricevere soldi, come trovare milioni di modi diversi per posticipare il pagamento dell’affitto, come trattare con datori di lavoro matti e senza rispetto, come non avere una scelta, come resistere.

Gli ultimi 2 anni invece, che forse sarebbe stato meglio, per le mie tasche e la mia salute, imparare un altro mestiere.

Scusa il prolisso, ho cercato di condensare 7 anni di vessazioni in meno spazio possibile, ma non è semplice. La passione c’è ancora, mi mancano le sfilze di comande che escono dalla macchinetta e che ti fanno salire l’adrenalina, mi manca il divertimento di avere una sala piena e ricordarmi con esattezza a fine serata tutto ciò che è stato ordinato, quando e da chi. Amo la ristorazione, ma ora mi sfogo a casa, invito 10 amici, creo un bel menù di 4 portate, ci affianco due vini, glieli racconto, e la soddisfazione è grande.

Grazie del lavoro che stai facendo ogni giorno con OCCCA, speriamo un giorno torni ad essere un mestiere fruttuoso e diventi più regolamentato.”

Il collega che ci ha mandato questa lettera ha preferito restare nell’anonimato (c’è sempre la speranza di recuperare quei duemila euro!).
Lo abbiamo soprannominato Samuele, come il cantante romagnolo di “Freak”, quasi stesse cercando anche lui di – “Esportare la piadina romagnola” – come nel suddetto videoclip.

Grazie Samuele della tua testimonianza e ti auguriamo di ritrovare nella strada di ritorno quel mestiere fruttuoso pieno di soddisfazioni ripagate e di comande che escono a nastro dalla macchinetta.

  1. Hey, you used to write fantastic, but the last few posts have been kinda boringK I miss your tremendous writings. Past several posts are just a bit out of track! come on!

  2. of course like your web-site however you have to check the spelling on several of your posts. Many of them are rife with spelling problems and I find it very troublesome to tell the reality then again I will surely come back again.

  3. Can I just say what a relief to seek out someone who actually knows what theyre speaking about on the internet. You positively know find out how to bring a problem to mild and make it important. Extra individuals have to read this and perceive this side of the story. I cant believe youre not more in style because you positively have the gift.

  4. Thanks for another great post. Where else may anybody get that type of info in such an ideal way of writing? I have a presentation next week, and I’m at the search for such information.

  5. I just couldn’t leave your website before suggesting that I really enjoyed the usual information an individual supply on your visitors? Is gonna be back often in order to investigate cross-check new posts

  6. I don’t know if it’s just me or if everybody else experiencing issues with your site. It appears as though some of the written text on your content are running off the screen. Can someone else please provide feedback and let me know if this is happening to them as well? This could be a problem with my web browser because I’ve had this happen before. Appreciate it

  7. Surprisingly good post. I really found your primary webpage and additionally wanted to suggest that have essentially enjoyed searching your website blog posts. Whatever the case I’ll always be subscribing to your entire supply and I hope you jot down ever again soon!

  8. Hi welcome to our website Thank you for taking interest in our site go to the top right corner and you will see the 3 bars click on those bars. It will show you a menu of things you can order on our website the next thing.

  9. Hey very cool site!! Man .. Beautiful .. Amazing .. I will bookmark your website and take the feeds also…I’m happy to find so many useful information here in the post, we need develop more strategies in this regard, thanks for sharing. . . . . .

  10. Having an interior designer is incredibly important since they have the knowledge and experience to help transform a space into something functional and aesthetically pleasing. Interior designers know how to balance colour, texture, furniture, and other design elements to create the desired look. They are creative problem solvers and can work their magic in any space from small closets to large outdoor decks. With an expert’s eye for detail, your own ideas can be refined and executed perfectly, elevating your space both functionally and aesthetically. Thank you for providing this content and helping us recognize the importance of hiring an interior designer!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *