Qualcuno salvi il dipendente DI CAPRIO!

Chi non ricorda la scena di Titanic in cui Rose riesce a salvarsi mantenendosi a galla su un’anta come zattera, mentre il povero Jack (Leonardo di Caprio) finisce per morire assiderato in acqua?

Tutti abbiamo pensato la stessa cosa – “Fallo salire brutta stro**a! C’è spazio per entrambi!”

E invece no, il povero Jack resta li fino all’ultimo respiro abbracciato alla sua amata fino a che morte non li ha separati.

Ecco. Ora prendete quella scena.
Sostituite il Titanic con il mondo della ristorazione.
Prendete l’iceberg e al suo posto metteteci il Covid19.

E i nostri 2 protagonisti? Chi potrebbero rappresentare?

Oggi Rose e Jack per me sono il TITOLARE e il DIPENDENTE dell’azienda (zattera).
Rose è il titolare perché rappresenta nella divisione di classe espressa nel film, la parte abbiente, quella che “deve” salvarsi.
Jack, di conseguenza rappresenta il dipendente, perché sta “dall’altra parte” e come tale rientra nella casistica delle vittime sacrificali.

Già perché mentre in tanti di voi seguono i rotocalchi delle battaglie e lettere degli imprenditori verso il governo, nel mare dei dispersi non è affatto udito il grido dei lavoratori in disperazione.

Quello di cui non si sta parlando è il braccio di ferro che nel nostro settore è iniziato tra titolari e dipendenti da quando si è iniziata a percepire l’idea di una fase 3.

I locali riaprono, con mille difficoltà.
Le spese sono elevate.
Gli incassi saranno esigui.
Non c’è spazio per tutti.
Qualcuno dovrà restare a casa.
Fino a quando? Non si sa.

Ma siamo sicuri che non ci sia spazio per tutti?
Dico, ne avete parlato voi titolari apertamente con i vostri dipendenti? Io non dico che Rose e Jack ce l’avrebbero fatta entrambi, ma cavolo, almeno provateci a stare in due su quella zattera (il locale)!

La cosa peggiore che sto sentendo in questi giorni è il totale silenzio di tantissimi titolari verso i propri dipendenti che hanno quasi paura a chiedere, a distanza di mesi:
“Ehi capo…ma quindi che si fa?”

E onestamente con OCCCA questo mutismo lo conosco bene, considerando come quando a Gennaio pubblicai la simulazione di un contratto da 1400 euro netti, spiegando quanto costasse quel contratto al datore di lavoro.

Tantissimi imprenditori iniziarono a scrivere:
“Ecco bravo! Diglielo quanto ci costa a noi un contratto!!!”

Ma perché voi non potevate dirglielo? Mah…

Sapete, c’è un’altro fenomeno culturale, più moderno, che attraverso i suoi film ha cercato di insegnare una morale che trovo molto più interessante e socialmente utile. Mi riferisco ai film della Marvel.

Delle tanti sue morali ce ne è una, forse la più forte espressa tanto sui fumetti quanto nei recenti film: NESSUNO VIENE LASCIATO INDIETRO.

Spiderman ritengo sia quallo che la esprime meglio.
Quando Peter Parker viene morso dal ragno radioattivo, prima di diventare l’eroe positivo che tutti conosciamo, usa i suoi poteri per diventare un famoso wrestler.
Una sera vede fuggire un furfante ma non lo ferma perché non lo ritiene affar suo. Più avanti scoprirà che quel furfante è lo stesso che pochi giorni dopo uccide suo zio.
Lo stesso che gli aveva sempre detto “Da una grande potere derivano grandi responsabilità”.
A quel punto Spiderman realizza l’importanza di quello che deve fare perché solo lui può farlo.

Cari ristoratori, qui nessuno vi attacca. Non c’è alcun sindacato dei dipendenti contro i titolari. La verità è solo una, ovvero che voi siete titolari e in quanto tali responsabili.
Voi avete questo “grande potere” nel mondo della ristorazione.

Ecco quindi perché siete voi Rose sulla zattera in questo momento.
Per due motivi in realtà:
1) se solo uno deve sopravvivere, questo sicuramente siete voi, poiché, inutile sottolinearlo, se chiudete voi, chiude tutto.
2) che se c’è qualcuno che può allungare la mano per permettere a Jack di provare a farcela, insieme, quelli siete sempre voi.

Magari non ce la faremo tutti, ma cerchiamo di non portarci i rimorsi nel post covid.
Iniziamo la fase 3 con una mentalità diversa, altrimenti avremo perso 2 volte.

A proposito di partire con una mentalità diversa, vi ricordiamo la lettera con la comunione di intenti che quasi mille di voi hanno già sottoscritto. (clicca qui per leggere la lettera)

Lascia il tuo commento