LETTERA DI UN CAMERIERE AI COLLEGHI

Ciao collega, in questo momento in cui molti di voi scrivono e firmano lettere dirette al premier Conte, io ho pensato di scrivere una lettera a te, con la speranza che, se sarai concorde rispetto ai punti espressi, vorrai firmarla, e condividerla.

Facciamo un passo indietro.
Cinque anni fa, il 10 giugno 2015.
L’obiettivo voleva essere alto, creare un’ordine professionale del settore capace di autoregolarsi e autodeterminarsi, perché l’unica cosa chiara che ho dall’inizio di questa avventura è che nessuno ci salva, siamo noi a doverlo fare.
Oggi, a distanza di quasi 2 mesi dal lockdown che ci coinvolge tutti, quell’idea di presa di coscienza sembra ancora attuale.

L’obiettivo alto si tramutò inizialmente però in una pagina facebook capace di strappare sorrisi e a volte piccole riflessioni.

Già dopo un anno però molti di voi volevano riflettere di più. Così nacque il blog, per raccontare e affrontare più seriamente argomenti come il lavoro usurante, le difficoltà burocratiche del settore fino al crescente problema di turnover, con la carenza di personale ogni estate sempre maggiore.

Ma 3 anni fa, con il primo vero OCCCADAY, ci fu la nostra prima vera azioni. In migliaia indossaste prima bracciali gialli autoprodotti e l’anno scorso 1300 di voi, attraverso il crowfunding indossarono un braccialetto, lo stesso, dal cuoco italiano che viveva in Giappone e se lo era fatto spedire per tempo, alla brigata del piccolo paese che lavora solo d’estate su una delle tante stupende spiagge che il nostro paese ci offre.

L’anno scorso iniziavamo a crederci. A credere di poter pensare di essere un’unica brigata. Questo era e stava diventando il nostro motto.

Niente camerieri contro cuochi che si scannano per qualche decina di euro di mance.
Niente dipendenti in combutta con i titolari, colpevoli di non garantire stipendi onesti, ma altrettanto spesso non responsabili di questo.
E se questa responsabilità c’era e tutt’ora c’è, allora è il caso che ognuno se ne prenda una parte, perché se da anni, anzi decenni, tutti noi parliamo del problema del costo del lavoro e di un ccnl non adatto ad ogni nostro comparto, è giunto il momento di capire che questo non è un problema solo del titolare, ma di tutti.

Ci sono molte cose che si possono e si devono chiedere al Governo.
Fosse per me ne chiederei una soltanto: la costituzione di un tavolo di discussione attorno al mondo della ristorazione, i già da noi definiti STATI GENERALI DELLA RISTORAZIONE.
Non come evento d’emergenza, ma di costanza.
Perché passato questo momento, i problemi che avevamo ieri resteranno e probabilmente ne arriveranno di nuovi.

Ma visto che tutti ora scrivono e firmano lettere a Conte, con dieci o più richieste, io ho pensato di scrivere una lettera a te, affinché anche tu prenda un impegno per il futuro, per quanto concerne le responsabilità che fino ad ora tu, e tutti i nostri colleghi hanno fin’ora eluso.

1) CONTRATTI REGOLARI.
I contratti irregolari richiedono due attori: un contraente e un ricevente. Se da una parte il datore propone lavori a tempo pieno al netto di contratti part time e una parte del pagamento in nero, dall’altra c’è un dipendente che accetta queste condizioni.
Dobbiamo interrompere questo circuito.
Al dipendente che si giustifica dicendo che – “In qualche modo devo campare” – ricordiamo che la sua motivazione è la stessa del datore di lavoro che lo propone. In qualche modo lui deve far quadrare le spese.
Finché entrambe le parti esternalizzeranno sui contratti la gestione economica dell’attività, non potremo pensare di sbloccare questo ostacolo.
Ti chiedo di non accettare ne proporre più contratti che non siano in perfetta regola.

2) COMPETENZA.
Ognuno deve avere le sue per poter pretendere. Se il punto 1 concerne i diritti, non si può pensare di avvalersene senza ottemperare ai propri doveri. Ognuno ha i suoi.
Il dipendente deve essere competente e cosciente della propria professione per pretendere di essere pagato come professionista, così come il titolare deve essere competente in materia gestionale se vuole avere la titolarità per essere la guida. Per comandare bisogna stare al seguito.

(Nb: si impara a cucinare e a fare i cappuccini esattamente come si impara a gestire un’azienda. I dipendenti non sono gli unici a doversi formare.)

Oltre al ritorno personale da una maggiore competenza, ne beneficia anche il comparto in cui operate. L’Italia sta iniziando a usare i verbi al passato quando parla di professionalità in questo settore.
“Eravamo” quelli migliori.
Non possiamo pensare di campare su quello che i nostri genitori e nonni sono stati prima di noi. Dobbiamo dimostrare di essere migliori di loro, per noi stessi e per il bene della categoria, se sentiamo di appartenervi.

3) RISPETTO.
I like sui social sono importanti come qualsiasi elemento che influisca nella comunicazione e percezione. Siamo fatti di questo ed è inutile negarlo. Cambiano gli strumenti ma non il senso di riconoscenza che cerchiamo, tutti.
Ma i numeri sono asettici. I like non raccontano le emozioni. Questo nuovo mondo, il mondo social, ci ha allontanato da virtù ed etiche di cui siamo stati e dobbiamo tornare a essere interpreti e rappresentanti.
Uno su tutti il rispetto.
Rispetto verso chi vi offre lavoro.
Rispetto verso chi vi offre il suo tempo.
Rispetto per chi vi paga lo stipendio (il cliente!).
Rispetto per chi coltiva la terra, pesca nel mare, alleva nei campi.
Rispetto per la natura, le tradizioni, la storia.
Rispetto verso il sacrificio.
Rispetto verso il coraggio.
In ultimo, ma solo per dargli la massima attenzione, rispetto per voi stessi.
Sacrificatevi, ma per voi stessi.
Non siamo carne da porre su un’altare sacrificale.
Che sia il titolare, lo chef o lo Stato, nessuno può chiedervi sacrifici che non siate voi a voler fare.
Se lo fate per gli altri deve succedere perché vi sentite parte di essi. Ma accertatevi che la cosa sia reciproca.

4) FUTURO IN PRESTITO.
Non abbiamo ereditato dal passato, ma preso in prestito dal futuro. L’egoismo non può e non deve appartenerci.
Siamo l’elemento più scostante e al contempo presente nella società. Quanti locali aprono e chiudono ogni anno nella vostra città? Eppure le facce sono sempre le stesse. Cambiano le insegne, ma a lavorare restano le stesse persone che girano, cambiano.
Ieri camerieri in quel ristorante, domani barista nel bar accanto.
In questa incertezza continua, di mercato, di lavoro, di condizioni per poter costruire, abbiamo tutti acuito la tendenza a consumare.
Oggi ci sono, domani chi lo sa.
Magari cambio locale, oppure città.
Ovvia conseguenza di questo comportamento è un ristoratore che con difficoltà investe sul proprio personale. Ma se nessuno investe sul personale e questo continua a cambiare di casacca, tutti continueranno ad avere personale nuovo e livello stagnante di crescita.
Ma se la vediamo dal punto di vista opposto, le cose non cambiano.
Il dipendente che sa di dover andare via a fine anno, passerà gli ultimi mesi a fare il suo, non curandosi di dare, nemmeno di mantenere.
Pensate di andare a lavorare in un nuovo ristorante e trovare che chi sostituite, proprio come voi, si è disinteressato a fare il proprio lavoro.

Se vogliamo avanzare verso il futuro, qualunque esso sia, serve maggiore altruismo. Con l’egoismo non faremo altro che restare fermi al presente, mentre gli altri continueranno a superarci.

5) UN’UNICA BRIGATA.
“Se vai da solo vai veloce, se vuoi andare lontano vai insieme”
Andare da soli ha permesso a molti di noi di raggiungere velocemente tanti obiettivi.
Penso banalmente a quei colleghi che in questi anni, girando il mondo, facendo tante esperienze e investendo su se stessi, hanno potuto costruire un curriculum di tutto rispetto.
Mi chiedo però quanto quel curriculum sia spendibile in Italia.
Quanti possono oggi usufruire della loro esperienza sul lavoro, sia a livello di realizzazione personale che ovviamente di compenso nel Belpaese?
Che senso ha essere veloci per poi correre su pochi metri?
Perché oggi questa è l’Italia.
Dobbiamo porci l’obiettivo di mete lontane e per raggiungerle, capire che dobbiamo unirci, dando a questa unione la priorità.
Far parte di un insieme significa poter destinare gli stessi sacrifici che prima abbiamo fatto per essere veloci, per andare lontani.
Ma serve fiducia.

La fiducia richiede pazienza e piccoli passi.
Firmare questa lettera è il primo.

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.”
[San Francesco]

Per firmare questa lettera ho creato un form di facile compilazione.
Non serve una firma legale, autorevole, validata o pec di sorta.
Non dobbiamo dimostrare qualcosa al Governo.
Questa è una lettera tra di noi, per vedere quanti siamo.
Ti basterà cliccare qui sotto per accedere ad un semplice form dove cliccare sul si per poter dire che accetti questi 5 impegni.

Non sarà facile rispettarli tutti, lo so. Ma almeno iniziamo a guardare tutti verso lo stesso obiettivo. Da qualche parte toccherà pur cominciare.

  1. la

    La vostra esposizione è condivisibile in toto, ma presuppone due condizioni:
    1) Che ci sia una vera serietà e unità di intenti che in questo mondo fatto di tante individualità è difficile seppure impossibile.
    2) Il bisogno di lavoro impedisce il rifiutare le imposizioni a volte ricattatorie del datore di lavoro, l’obbligo di accettare qualsiasi imposizione al posto di un niente è condizione difficilmente estirpabile.
    La politica che con le sue leggi e il controllo avrebbe dovuto essere il regolatore e difensore del lavoro è stata un fallimento, ed ha lasciato solo il lavoratore in una contrattazione sfavorevole.
    comunque per quello che mi riguarda firmo volentieri lavostra petizione pur con i due distinguo.
    #UNITISIPUO’

  2. In questa tua “Se vai da solo vai veloce, se vuoi andare lontano vai insieme” si riassuma (per me) il tutto, per titolare, colleghi, collaboratori dall’imprenditore fin all’occasionale logista.

  3. Mi auguro che si prenda coscienza del fatto che per l’80% della forza lavoro il settore sia in mano a personale malpagato e spesso dilettante, che manca un sindacato di categoria e che sia praticamente impossibile sperare in un contratto che superi i 2 mesi. Questo settore ad oggi non permette di avere una stabilità economica, ne al giovane, ne al dipendente con 20anni di esperienza. Non è minimamente riconosciuta la professionalità come valore aggiunto, anzi, diventa un costo troppo oneroso da sostenere. Amo questo mestiere ma non mi sta restituendo nulla dei 20 anni di vita che gli ho dedicato.

  4. Simply want to say your article is as amazing.
    The clarity in your post is just great and i can assume you’re an expert on this subject.
    Fine with your permission allow me to grab your RSS feed to keep updated with forthcoming post.
    Thanks a million and please continue the gratifying work.

  5. When some one searches for his essential thing, therefore
    he/she wants to be available that in detail, therefore that
    thing is maintained over here.

  6. Wonderful work! That is the kind of information that
    should be shared across the internet. Disgrace on the seek engines for no longer positioning this publish upper!

    Come on over and consult with my web site .
    Thank you =)

  7. Please let me know if you’re looking for a article writer for your weblog.
    You have some really good posts and I think I
    would be a good asset. If you ever want to take
    some of the load off, I’d absolutely love to write
    some content for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoot me an e-mail if interested. Cheers!

  8. I’m not that much of a internet reader to be
    honest but your sites really nice, keep it up!
    I’ll go ahead and bookmark your site to come back in the future.
    All the best

  9. This design is steller! You definitely know how to keep a reader amused.
    Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost…HaHa!) Excellent job.
    I really loved what you had to say, and more than that, how you presented
    it. Too cool!

  10. Having read this I believed it was rather informative.
    I appreciate you taking the time and energy to put this short article together.
    I once again find myself personally spending a significant amount of time both
    reading and leaving comments. But so what, it was still worthwhile!

  11. Helpful information. Fortunate me I found your web site unintentionally, and
    I am surprised why this twist of fate didn’t came about in advance!
    I bookmarked it.

  12. May I simply say what a relief to find someone that genuinely knows what they’re talking about over the internet.
    You definitely understand how to bring a problem
    to light and make it important. A lot more people need to check this out and
    understand this side of the story. I can’t believe you aren’t
    more popular because you certainly have the gift.

  13. Just desire to say your article is as astounding.
    The clearness in your post is simply cool and i could assume you’re an expert
    on this subject. Fine with your permission allow me to grab your
    feed to keep up to date with forthcoming post. Thanks
    a million and please keep up the gratifying work.

  14. Good day! I could have sworn I’ve been to this blog
    before but after browsing through many of the posts I realized it’s
    new to me. Regardless, I’m definitely delighted I came across it and I’ll be
    book-marking it and checking back often!

  15. Hello! I could have sworn I’ve visited this website before but after looking at some of the articles
    I realized it’s new to me. Anyways, I’m definitely pleased I came across it and I’ll be
    book-marking it and checking back frequently!

  16. I am not sure where you are getting your information, but great topic.
    I needs to spend some time learning much more or understanding more.
    Thanks for excellent information I was looking for this info for my mission.

  17. Hello there, I believe your blog might be having internet browser compatibility problems.
    When I look at your website in Safari, it looks fine but
    when opening in IE, it’s got some overlapping issues. I merely wanted to
    provide you with a quick heads up! Besides that,
    fantastic website!

  18. Fantastic goods from you, man. I’ve be aware your stuff previous to and
    you’re just too fantastic. I really like what you have got here, really like what you are saying and the way in which during which you are saying it.

    You’re making it enjoyable and you still care for to stay it smart.
    I can not wait to read far more from you. That is really a wonderful site.

  19. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to my blog that
    automatically tweet my newest twitter updates. I’ve been looking for a
    plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with
    something like this. Please let me know if you run into
    anything. I truly enjoy reading your blog and I look forward to your new updates.

  20. You actually make it seem really easy together with your
    presentation but I to find this matter to be actually something which I believe I might by no
    means understand. It kind of feels too complex and extremely broad
    for me. I’m looking forward on your subsequent post, I’ll attempt
    to get the cling of it!

  21. I was recommended this website by my cousin. I’m not sure whether this post is written by him as
    no one else know such detailed about my problem. You’re amazing!

    Thanks!

  22. I am extremely impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog.
    Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up
    the nice quality writing, it’s rare to see a great blog like this one nowadays.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *