Il saluto del Cameriere

Entrano nel ristorante e si siedono su un tavolo senza nemmeno chiedere.
Gli si fa notare che è prenotato. Chiedono allora quale tavolo sia disponibile.
Il collega li fa accomodare in un tavolo rotondo che andrebbe bene per 6, anche se loro sono in 4, due genitori con due bimbi.

002

Entrano nel ristorante e si siedono su un tavolo senza nemmeno chiedere.
Gli si fa notare che è prenotato. Chiedono allora quale tavolo sia disponibile.
Il collega li fa accomodare in un tavolo rotondo che andrebbe bene per 6, anche se loro sono in 4, due genitori con due bimbi.
I bimbi sono bimbi, e durante la serata come dei piccoli Pollicini, lasciano indizi della loro presenza lungo tutto il perimetro che gli è stato assegnato per mangiare.
Briciole ovunque, un calice rotto (qui colpa del collega che avrebbe dovuto prontamente toglierli dalla portata delle vispe manine), qualche richiesta fuori menù abbastanza gestibile, per arrivare al termine con i solito gelato che mangiato per metà, verrà fatto lentamente sciogliere per diventare così il fedele compagno di qualsiasi macchia (cioccolato uber alles).

“La mamma riprende
il maschietto intento a giocare
con il pane nell’acqua”

All’arrivo del conto, il padre porge subito la carta di credito.
Come era prevedibile dall’inizio, nessuna mancia.
Si alzano dal tavolo, la mamma riprende il maschietto intento a giocare con il pane nell’acqua. Aspetto che che vadano via per riapparecchiare (dopo aver pulito) velocemente il tavolo, che ho un 6 che sta aspettando.
“Arrivederci e buona serata”
“Grazie a voi. Saluta il cameriere”
Dice la mamma alla bambina, che fa il cenno con la mano.
Passando accanto ad un tavolo di un cliente fisso del ristorante con il quale ho un pò di confidenza, questo mi fa:
“Certo che erano dei veri rompipalle!”
Faccio spallucce. Lui pensa che io abbia voluto essere professionale o comunque educato.
Ma la verità è un’altra.
Sono Cameriere, la confidenza e l’educazione sono parte del mio lavoro, e chiunque entra nel ristorante è un CLIENTE, anche fosse un mio caro zio, perchè egli non troverebbe in sala il suo nipote, ma un Cameriere.
Anche perchè se così non fosse, probabilmente vi manderei tutti a quel paese!
Scherzo 😉
Forse.

Lascia il tuo commento