L’UNESCO, LA PIZZA e NAPOLI

L’arte del Pizzaiolo Napoletano è diventato patrimonio culturale dell’Umanità Unesco.
Innanzitutto partiamo dalle definizioni. Per l’esattezza l’arte del pizzaiolo napoletano è stata inserita nell’elenco dei patrimoni IMMATERIALI, che per definizione sono quella categoria di beni che si caratterizzano per:

  •  essere trasmessi da generazione in generazione
  •  essere costantemente ricreati dalle comunità e dai gruppi in stretta correlazione con l’ambiente circostante e con la loro storia
  •  che permettono alle comunità, ai gruppi nonchè alle singole persone di elaborare dinamicamente il senso di appartenenza sociale e culturale

Diventa chiaro pertanto che quello che è stato premiato non è la pizza, la ricetta, nè tantomeno è stato creato una sorta di disciplinare che vieti di chiamare Pizza Napoletana una pizza che non viene fatta a Napoli.

Siamo su tutto un altro terreno di gioco.
Si tratta di salvaguardare un patrimonio culturale fatto da un mestiere, dalla sua ricetta, ma anche dalla comunità, dalla storia e tutti gli altri fattori sopra descritti.

Al pari della pizza napoletana troviamo in Italia altri patrimoni immateriali che ci possono far capire il valore da attribuire a questa riconoscenza come:
* il saper fare liutario di Cremona
* il canto a tenore Sardo
* le feste delle Grandi Macchine a Spalla ( come la festa dei Gigli di Nola o il trasporto della Macchina di Santa Rosa a Viterbo).

Detto questo, abbiamo trovato deprimente l’atteggiamento di una gran parte della categoria verso questo premio che non da tutti è stato accolto con piacere.

C’è chi ha trovato errato definirla ARTE, perchè la PIZZERIA andrebbe trattata come una scienza.
C’è chi si è sentito escluso, perchè riguardava solo i Napoletani. (ma i Napoletani non sono comunque Italiani?)
C’è chi da partenopeo, si è sentito di escludere tutti gli altri, perchè NON erano NAPOLETANI. (e di nuovo come sopra)
C’è chi pensa che sia ingiusto premiare “solamente” la pizza napoletana quando ci sono anche tanti altri pregiati e storici prodotti culinari nel nostro Belpaese.

Ma se invece per una volta, provassimo semplicemente a essere soddisfatti per il traguardo, POSITIVO, raggiunto da nostri connazionali e colleghi, non sarebbe meglio?

In questo momento la ristorazione ha come primaria necessità quello di creare una rete di intenti. Siamo abituati ai campionati di calcio, dove tante sono le squadre e solo una vince lo scudetto.
Ma ci dimentichiamo che è lo sport a cui stiamo tutti giocando che rischia di perdere.
La qualità del prodotto, delle tecniche, del mercato, delle ricette e del lavoro che interessa ai pizzaioli è la stessa che interessa a chi lavora in cucina, in sala, nei bar e così via.

Ricevere un premio dall’UNESCO per un’arte come quella del PIZZAIOLO NAPOLETANO, non significa escludere le altre pizzerie e pizzaioli. Significa e può significare trovare spazio e opportunità affinchè altri prodotti e altre tradizioni vengano riconosciute allo stesso modo.

“Cosa sarebbe successo se fossero stati gli Stati Uniti con la loro pizza “american style” a diventare patrimonio Unesco?”

Il nostro BELPAESE è un universo costellato di tradizioni e saperi, di mestieri e conoscenze che il mondo da sempre ci invidia e che ora ci inizia a copiare.
Non è solo il mercato, l’economia di queste tradizioni, che viene minato, ma la tradizione stessa.

Ben vengano allora questi riconoscimenti così come lo studio scientifico, finanche il miglioramento tecnico delle tradizioni che mai sono state ferme e immutate nel tempo. La stessa scienza si è più volte dovuta ricredere rispetto ai propri dogmi, figuriamoci la ricetta della pizza.

Ma soprattutto cerchiamo di essere coesi, ne gioveremo tutti alla fine.
Oggi grazie alla raccolta di 2 milioni di firme siamo qui a parlare dell’ARTE della PIZZA NAPOLETANA.
Cosa sarebbe successo se fossero stati gli Stati Uniti con la loro pizza “American Style” a diventare patrimonio Unesco?

Non aspettiamo che siano gli altri a farci capire il valore che abbiamo.

  1. Cannabis laws are different in each province and territory in Canada. Here’s what you need to know about what is and isn’t legal in Nova Scotia. Please note that we cannot provide you with a family doctor or specialist for your primary care. We can provide you with a qualified doctor from the Greenleaf Medical Clinic with special interests in medical marijuana. The men and women of Customs and Border Protection (CBP) are responsible for enforcing hundreds of U.S. laws and regulations. On a typical day, CBP welcomes nearly one million visitors, screens more than 67,000 cargo containers, arrests more than 1,100 individuals, and seizes nearly 6 tons of illicit drugs. Annually, CBP facilitates an average of more than $3 trillion in legitimate trade while enforcing U.S. trade laws.
    https://paxtonkkcu475937.blogcudinti.com/16587627/best-psychedelic-mushrooms-to-grow
    The grower’s license went to Fort Smith hotelier Bennett “Storm” Nolan whose River Valley Production LLC of Fort Smith is producing marijuana as River Valley Relief Cultivation. Nolan and River Valley were not named as defendants in the suit, but Nolan petitioned the judge Monday to be allowed to join the litigation since a Southern Roots win “may destroy multi-million dollar investment” to build its growing facility. Few countries had publicly listed cannabis stocks. As Canada’s cannabis profile rose among international investors, Canopy seemed untouchable. In 2017, it was the first marijuana producer added to the S&P/TSX Composite Index, and the very same year, Constellation invested $245-million for a 9.9-per-cent stake. The Ontario-based company said it would get an upfront payment of about C$115.5 million ($89.51 million) from German pharmaceutical firm Dermapharm Holding SE (DMPG.DE) once the deal closes in January, and up to C$61.4 million in a milestone-based payment.

  2. Learn about the side effects, dosages, and interactions. earch our drug database.
    [url=https://viagrapillsild.com/#]sildenafil 30 mg[/url]
    Everything about medicine. Commonly Used Drugs Charts.

  3. Честные отзывы РЅР° товары Рё услуги РІ сети РњС‹ ответим РЅР° РІСЃРµ Ваши РІРѕРїСЂРѕСЃС‹! Поделиться: Гель для ресниц “Длинные ресницы” (10 Рі) 115 РіСЂРЅ Уже после первых недель применения Р’С‹ заметите видимый результат, ресницы станут заметно более густыми, длинными Рё объемными! Никаких дополнительных оплат Р·Р° перевод денег Рё страховку! Стойкий гелевый карандаш Relouis Pro идеален для использования РІ качестве: 1. Подложки (РѕСЃРЅРѕРІС‹) для макияжа smoky eyes или СЃ РґСЂСѓРіРёРјРё тенями (РІ том числе Рё СЃРѕ «спарклами») 2. Для стрелок – классической…
    https://troydxpi331098.dailyblogzz.com/19125342/набор-для-моделирования-бровей
    Внешне такой вид трубопроводов представляет собой хорошо гнущийся каучуковый шланг разной длины с фитингами на концах. Соединительные элементы – это штуцер, ввинчиваемый в подключаемый прибор. Лучше, если он изготовлен из латуни или нержавейки – такой крепеж не поддается коррозии. С другого конца находится накидная гайка, она накручивается на трубу с резьбой. Давайте честно признаемся себе: идеальной формы глаз не существует. Подводка помогает скрыть недостатки. И даже превращает их в достоинства! Рисуйте стрелки, отталкиваясь от своей индивидуальности.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *